DORATURE CON FOGLIA

Nel loro laboratorio artigianale i fratelli Bertoni eseguono la doratura o argentatura a guazzo (su cornici antiche da restaurare o su cornici nuove moderne o riproduzioni di modelli classici).

Le fasi del processo di doratura con foglie di una cornice, ma anche di una specchiera, di un mobile antico o di un complemento di arredo sono:

  • GESSATURA (o ammanitura): è la prima fase, quella di preparazione della “colletta” necessaria alla successiva lavorazione del fondo in gesso.
  • BOLATURA: si mescola la colletta preparata nella precedente fase con il bolo per ottenere un composto di densità semiliquida, ma non troppo acquoso, che con l’utilizzo di un bombasino in pelo di vaio o un idoneo pennello sarà steso sulla base in gesso
  • DORATURA: trasferita la foglia d’oro, d’argento o altro dal libretto al cuscinetto mediante un coltello per doratore, si scalda a bagnomaria un composto di colla di pesce e acqua che servirà per bagnare il bolo così da renderlo pronto per attaccare la foglia. Durante la doratura, si tampona la foglia con un batuffolo di cotone così da farla meglio aderire al bolo.
  • BRUNITURA: Si esegue utilizzando un brunitoio di forma idonea alla geometria della superficie dorata, passandovi più volte la punta prima leggermente e poi con più pressione. In questo modo la foglia aderisce alla base di gesso e bolo rendendo la resa finale brillante e perfettamente levigata.
  • CONSUMAZIONE E INVECCHIAMENTO: per ottenere una resa anticata, si opera sulla superficie dorata utilizzando diversi prodotti a seconda dell’effetto finale che si vuole realizzare. E’ possibile “consumare” la doratura con lana di acciaio per ottenere un effetto paragonabile alle dorature eseguite nel 1600/1700. Si può altresì “invecchiare” la doratura utilizzando bitume liquido o analogo mordente. In tal caso si tampona la superficie dorata con un pennello o uno straccio assicurandosi di rimuovere immediatamente con un batuffolo di cotone il liquido in eccesso. Con questa tecnica la resa finale ricorderà le dorature eseguite nel 1500.
  • FISSAGGIO: È possibile proteggere le decorazioni mediante l’uso di protezione sintetica o gomma lacca decerata, stendendo una o più mani attraverso l’utilizzo di un apposito pennello. E’ importante fare attenzione a non eccedere con le quantità così da non perdere l’effetto brillante ottenuto con la brunitura.